News

Un momento dell´incontro in Confindustria

La Calabria più vicina al Camerun. I rapporti tra la nostra regione e il Paese Africano vengono istituzionalizzati all’insegna della amicizia, dell’ospitalità e dell’auspicio di future collaborazioni commerciali. Confindustria Calabria questa mattina ha accolto il presidente dell’assemblea nazionale del Camerun Djibril, in Calabria – ha dichiarato – come amico dell’imprenditore Giuseppe Franco, nella delegazione che l’ha accompagnato.

L’impresa Franco sta lavorando alla costruzione di strade e infrastrutture nel Paese africano in via di sviluppo, all’insegna della collaborazione “con un popolo buono e amichevole”. Ad accogliere Djibril, il presidente di Confindustria Calabria, Giuseppe Speziali, la vice presidente della Giunta regionale Antonella Stasi. Al termine dell’incontro ha portato i propri saluti anche il governatore Giuseppe Scopelliti, prima impegnato in un precedente incontro istituzionale.

“Siamo onorati di ospitare questa autorevole personalità nella nostra sede – ha esordito Speziali – E’ un’occasione per le imprese calabresi di farsi conoscere in Camerun e portare le proprie conoscenze al servizio di una nuova frontiera di sviluppo. E proprio questo incontro è esso stesso testimonianza della bontà del lavoro che le imprese calabresi stanno svolgendo in questi Paesi, per spezzare insieme il cerchio dell’arretratezza”. Speziali ha anche dato atto all’impulso che arriva dalla Regione in questa direzione, “per guardare in maniera professionale, e facendo rete, ai nuovi mercati”. Il Camerun è aperto a tutti, ha assicurato Djibril: ha bisogno di strade, case popolari, e ha potenzialità infinite di investimento, risorse da sfruttare, dall’oro al petrolio. Basta ripartire. L’impegno della Regione che “affiancherà gli imprenditori in questo percorso di sviluppo e di scambio commerciale”, non mancherà, parola della vice presidente Stasi.

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
7 febbraio 2013

L’Anas ha presentato sabato scorso l’iter dei lavori di completamento della variante esterna all’abitato di Roccella Jonica sulla strada statale 106 “Jonica”, su iniziativa del vice sindaco del comune della provincia di Reggio Calabria, Sisinio Zito, alla presenza del Direttore Centrale Nuove Costruzioni dell’Anas Alfredo Bajo e del Direttore Centrale Relazione Esterne e Rapporti Istituzionali dell’Anas Giuseppe Scanni.
“Entro la fine del mese corrente – ha assicurato Alfredo Bajo – saranno consegnati i lavori di completamento della variante, dal km 110,550 al km 118,850 della strada statale 106, per un investimento complessivo di circa 16 milioni di euro, al Consorzio Cooperative Costruzioni CCC Soc. Cooperativa di Bologna, che dovrà portare a termine i lavori in 540 giorni”.
“La parte impiantistica della variante già realizzata – ha proseguito Alfredo Bajo - dovrà essere adeguata alle nuove norme europee sulla sicurezza delle gallerie stradali e alle nuove linee guida previste dall'Anas”.
In occasione dell’incontro di sabato, Bajo ha ricostruito la storia della variante di Roccella Jonica che “è la perfetta rappresentazione della difficoltà che si incontra nel nostro Paese nel dare avvio e poi portare a conclusione opere infrastrutturali che pur considerate ‘piccole’ sono invece di fondamentale importanza per il territorio”.
Attualmente l’opera si compone di due lotti dei quali uno è stato già realizzato, ma non risulta ancora aperto al traffico per la mancanza del collegamento funzionale con la restante viabilità e l’altro è stato già realizzato per il 93% e già collaudato.
I lavori di completamento riguarderanno in particolare, la sovrastruttura e la pavimentazione per l’intero secondo lotto; le barriere di sicurezza su parte dei viadotti, sui rilevati e sullo spartitraffico; gli impianti elettrici in galleria; la segnaletica orizzontale e verticale sull’intero secondo lotto; le opere in verde; l’adeguamento e l’illuminazione dello svincolo di immissione alla statale 106, lato Catanzaro; la realizzazione della complanare Millarini (per consentire l’immissione alla viabilità locale di alcuni privati rimasti interclusi a seguito dei lavori e di alcuni lavori di protezione idraulica effettuati dal Genio Civile e dal Comune di Roccella Jonica); il sovrappasso al km 1,340 per consentire di bypassare il collegamento viario principale); e, infine, lo scatolare sul torrente Millarini

Sabato 15/02/2013

 

Qualified company in the construction and design of public works
CERTIFICATES